Cura del prato in primavera: 6 utili consigli!

Il sole comincia a scaldarsi e si alterna ad acquazzoni brevi e intensi. Le giornate si allungano e l’erba del vostro prato ricomincia a crescere! Ecco la primavera!
Questo momento, per il vostro prato, è veramente cruciale in quanto, una cura non attenta in questo periodo, potrebbe portare a pessime conseguenze in estate.
Vi diamo 6 preziosi consigli che vi orienteranno nelle operazioni essenziali per la cura del prato in primavera!

1. Tagliare il prato in primavera

Sembra scontato, ma una cosa molto importante da fare è riprendere a tagliare l’erba del prato. Per i primi tagli dopo l’inverno, si consiglia di utilizzare un’altezza di taglio abbastanza alta per non stressare eccessivamente l’erba.
Inoltre, è bene scegliere una pomeriggio non piovoso. Ricordatevi di non utilizzare il mulching, ma il sacco di raccolta: in questa fase, il prato ha bisogno di respirare.
Cos’è il mulching?

2. Arieggiatura

Questo importante processo è spesso decisivo per ottenere un prato in salute.
La cotica erbosa, formata da erbe, radici e altri residui, costituisce uno spessore che impedisce il passaggio di acqua, luce e nutrienti al terreno sottostante.
L’arieggiatura, che viene fatta con strumenti come l’arieggiatore, è finalizzata a riportare in superficie questi residui che possono essere asportati dal terreno.
È importante che questo procedimento venga fatta a primavera o prima dell’inizio dell’inverno.

3. Programmare

Come in qualsiasi lavoro, è molto importante non improvvisare i propri interventi sul prato, ma programmarli in modo da non stressare eccessivamente il terreno e da lasciare il giusto tempo di assestamento ad ogni azione che viene fatta.

4. Concimare

Concimare il prato è essenziale per poter ottenere un manto erboso verde e forte. In questo periodo di risveglio e di rinascita dell’erba è importante utilizzare dei concimi a base di azoto, elemento nutritivo molto importante, e magari a lento rilascio in modo da non accelerare eccessivamente la crescita dell’erba in questo periodo climaticamente ancora instabile.

5. Irrigazione

L’irrigazione è molto importante anche in primavera. Se apparentemente il prato sembra umido, non è detto che abbia il giusto apporto di acqua. Questo potrebbe avvenire sopratutto se la primavera è calda e ventilata: il primo strato potrebbe essere umido, ma sotto potrebbe essere asciutto. Per questo, è buona cosa prevedere una giusta irrigazione anche nel periodo primaverile.

6. Rigenerazione o nuova semina

Se il prato in primavera è visibilmente impoverito e si presenta con chiazze rade o scolorite, forse è il caso di seminare nuovamente. Ovviamente dopo aver arieggiato a dovere il terreno. La primavera è comunque il periodo migliore per rinfoltire e seminare nuovamente.

A questo punto, se state cercando la giusta rasaerba, vi consigliamo la nostra guida all’acquisto o di dare una sbirciata nel nostro sito dove potrete trovare sia gli arieggiatori che le rasaerba.

Buon prato a tutti e se volete mandateci qualche foto!

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nostre migliori proposte e ricevi in omaggio un fantastico ricettario!

Iscriviti Subito!

CHIUDI
Altro... Giardinaggio
banner-autunno-small
Cura del Giardino in Autunno – 8 consigli utili!

Passato il torrido caldo di agosto, l'erba del nostro prato riprende a respirare e a crescere. Questo processo dura per...

Chiudi