Cinque segreti per la manutenzione dello spazzaneve

09E’ in arrivo la stagione fredda, e con lei arriva la neve!
Un comodo strumento, se non indispensabile, è appunto lo spazzaneve. Sia a scoppio che elettrico, di piccole dimensioni o grandi e trazionati, la sua praticità e indiscussa.
Ma come possiamo fare per far sì che questo attrezzo, che spesso è costato anche non poco, duri il più possibile ed in perfetto stato?
Ecco quindi qualche piccolo consiglio per la manutenzione dello spazzaneve!

1. FAI SCALDARE LA LAMA O LA FRESA PRIMA DEL LAVORO

Prima dell’utilizzo dello spazzaneve è buona norma ricordarsi di scaldare la lama o la fresa. Utilizzarla subito vuol dire sottoporla ad uno shock termico generato dalla bassa temperatura. Questo potrebbe danneggiarla o bloccarla del tutto. Utilizza lo spazzaneve solamente dopo aver fatto riscaldare tutte le sue parti anche per breve tempo.

2. FAI SCALDARE ANCHE IL MOTORE

Il motore dello spazzaneve, esattamente come la fresa, ha bisogno di un periodo di riscaldamento per funzionare al meglio. L’attrezzo va lasciato acceso per pochi secondi con la marcia in folle.
E’ altrettanto importante effettuare un primo lavoro molto leggero, per poi lavorare alla potenza necessaria in tutta tranquillità.

3. OCCHIO AL TERRENO!

Molto spesso il terreno sul quale si è posata la neve da spalare non è sempre liscio e privo di detriti. Anzi, al contrario. Uno sguardo attento, o una stima più precisa possibile del terreno da lavorare, permetteranno un lavoro sicuro e privo di pericolose conseguenze. A prescindere dalle dimensioni o dal tipo di spazzaneve utilizzato, la fresa da sola, o la fresa e la ventola centrifuga (se si tratta di un bistadio) raccoglieranno ed espelleranno anche piccole pietre o detriti presenti nel terreno. E’ buona norma quindi valutare bene anche l’orientamento e l’angolazione del camino di espulsione per evitare danni a mezzi o persone presenti nell’area di lavoro.

4. E QUANDO IL LAVORO E’ FINITO?

Anche il rimessaggio dello spazzaneve tra un lavoro e un altro è importante.
La fresa dello spazzaneve va pulita accuratamente dai residui di neve e sporco raccolti durante il lavoro. Va controllata periodicamente anche la sua lubrificazione. Controllare l’efficacia dei cuscinetti su cui la lama lavora e verificare la pulizia della ventola se è uno spazzaneve a due stadi. Da controllare bene è anche che il camino di espulsione per verificare che non sia parzialmente ostruito dai residui di lavorazione.
Lo spazzaneve non va lasciato al sole o alle intemperie, come ogni macchina di questo tipo. Va invece coperto con un telo per metterlo al riparo da raggi solari prolungati, da polvere e umidità che con le basse temperature può gelarsi ed intaccare le parti più delicate come indurire e danneggiare la gomma del rivestimento dei manubri, ad esempio.

5. CURA IL MOTORE

Se lo spazzaneve è uno spazzaneve a scoppio, la cura del motore è estremamente importante.
Va controllato periodicamente il livello dell’olio, almeno una volta l’anno andrebbe sostituito. Questo serve a garantire una corretta lubrificazione di tutte le parti in movimento ed una durata sicuramente superiore nel tempo. Anche il filtro dell’aria non va sottovalutato. Generalmente è un componente veramente facile da raggiungere e controllare e per una manutenzione ordinaria è sufficiente soffiare via la polvere anche con un compressore.
Per una combustione sempre al meglio, una volta l’anno va controllata la candela. Non va necessariamente sostituita, in quanto generalmente sono componenti molto longevi, ma assicurarsi del buono stato è sempre consigliato.

…QUALCHE CONSIGLIO IN PIU’!

Verifica che la benzina che utilizzi contenga dell’etanolo. Se non è così, aggiungi un additivo anticongelamento per evitare che l’umidità e la condensa nel serbatoio si ghiaccino.
Utilizza il carburante “fresco”. E’ preferibile infatti utilizzarlo tutto nella stessa stagione. I carburanti acquistati in primavera o in estate non sono sempre uguali a quelli invernali.
A stagione finita rimuovi tutto il carburante residuo dal serbatoio. Se vuoti a mano il serbatoio, accendi comunque il motore per far sì che si svuoti anche il carburatore.
Questo perché quando il carburante rimane “fermo” per un lungo periodo di tempo, lo stabilizzante tende a separarsi. Questo non brucia così bene come il carburante e potrebbe creare problemi di combustione una volta riacceso il motore dopo la stagione calda.

ATTENZIONE!!
Questi consigli NON SOSTITUISCONO il controllo e la manutenzione dello spazzaneve ordinaria e straordinaria periodica prevista nel manuale del produttore.

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nostre migliori proposte e ricevi in omaggio un fantastico ricettario!

Iscriviti Subito!

CHIUDI
Altro... Trucchi e Consigli
banner-autunno-small
Cura del Giardino in Autunno – 8 consigli utili!

Passato il torrido caldo di agosto, l'erba del nostro prato riprende a respirare e a crescere. Questo processo dura per...

Chiudi