Fare un buon vino: 8 consigli utili!

Molti dicono che il vino si fa in vigna e che una buona uva farà del buon vino. Questo è vero in parte perchè, se non si lavora bene in cantina, anche l’uva migliore del mondo darà un vino di scarsa qualità.

Per questo vogliamo lasciarvi qualche consiglio utile che può aiutarvi a tirare fuori il meglio dalla vostra uva e fare un buon vino:

1. Scegliete se usare una diraspatrice o una pigiadiraspatrice

È una scelta importante per fare un buon vino, sopratutto se siete intenzionati a realizzare qualche vino particolare. Mentre la diraspatrice ha il solo scopo di separare i graspi dagli acini, la pigiadiraspatrice effettua una prima pigiatura dell’uva estraendo una prima parte di mosto che normalmente è il più puro.

2. Ricordate la differenza tra pigiatura e pressatura

La pigiatura (fatta a mano o con una pigiadiraspatrice) è una delle primissime fasi e serve ad ottenere un mosto particolarmente puro. La pressatura serve ad estrarre tutto il mosto dal pigiato e si usa, normalmente, il torchio.

3. Il torchio deve essere sempre pulito!

Le doghe in legno del torchio tendono ad impregnarsi di succo durante la pigiatura. Per questo, se non lavate subito, possono dare origine a muffe e incrostazione che possono alterare il mosto.

4. Il metabisolfito non è nemico del vino (se usato bene)

Proprio perchè deve essere tutto molto pulito al fine di evitare alterazioni nelle varie fasi della vinificazione, è bene usare dei prodotti come il metabisolfito per sterilizzare tutti i contenitori e gli accessori che entreranno in contatto con il vino e che potrebbero contaminare il prodotto finale. Ricordatevi di sciacquare bene prima di utilizzare questi strumenti.

5. Assicurativi che la fermentazione sia completa!

Se vi apprestate a imbottigliare il vino, accertatevi che la fermentazione sia completa: la rifermentazione in bottiglia renderà il vino frizzante. Se state facendo un vino fermo, non è proprio il caso.

6. Filtrare è bello!

Filtrare il vino ha numerosi vantaggi: il primo è quello di pulirlo dalla feccia che potrebbe dare cattivi odori e sapori al vino. Capita spesso di aprire bottiglie di vino “del contadino” che emettono odori… “particolari”.
Oltre all’odore e di conseguenza al colore (che sarà più cristallino) il vantaggio della pulizia si ripercuote anche sulla conservazione del vino: un vino più sano si manterrà più a lungo.

7. Occhio alle bottiglie

La domanda di tutti è: quanto riempo la bottiglia? La risposta arriva direttamente dalla bottiglia: se state usando quelle di vetro classiche, sul fondo ci sarà una cifra, espressa solitamente in mm, che indica lo spazio che deve intercorrere tra il tappo e il livello del liquido per far si che la bottiglia contenga quanto dichiarato.
Ovviamente, ma dovreste averlo già capito, anche la bottiglia deve essere pulitissima.

8. Ci vuole pazienza per fare un buon vino

La voglia di assaggiare il proprio vino è tanta… ma l’attesa accresce il piacere di provare il frutto della propria fatica!

Cercate di fare un buon vino e Cin Cin!

 

Tutti i prodotti per la vendemmia!

Fare un buon vino: 8 consigli utili!

Fare un buon vino: 8 consigli utili!

Iscriviti alla nostra Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle nostre migliori proposte e ricevi in omaggio un fantastico ricettario!

Iscriviti Subito!

CHIUDI
Altro... Vendemmia
vendemmia-small
Vendemmia 2015: tutti gli strumenti per fare il vino!

Quest'anno si prospetta come un anno di ripresa per la vendemmia in Italia, sopratutto dopo un 2014 abbastanza deludente dal...

Chiudi